Donare è amare e chi ama dona

AVIS Sarnico
e basso Sebino

“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare”
MADRE TERESA DI CALCUTTA

Così come per le Olimpiadi e gli Europei di Calcio (spostati in aventi di un anno), anche il 60° di fondazione di AVIS Sarnico e basso Sebino, causa la pandemia, verrà festeggiato un anno dopo.

Direttivo e il Gruppo Giovani sono al lavoro per preparare il programma che si preannuncia molto interessante.

E’ intanto confermata la tradizionale “Festa degli Auguri”, fissata per la canonica data del 27 dicembre, un evento sospeso nel 2020 ma che, riprenderà quest’anno con uno spettacolo interamente dedicato alla danza.

Si sa ancora poco dell’aspetto organizzativo, ne parleremo più ampiamente nel prossimo numero. Giuliana Minuscoli e il gruppo giovani stanno lavorando per preparare qualcosa di nuovo. Unica indiscrezione è il tema che sarà quest’anno il ballo in tutte le sue componenti. Hanno dato la loro adesione le scuole di danza: enjoydance, Rosy Dance e Star Dance Betti. Nell’occasione verranno assegnate le onorificenze ad alcuni donatori.

Un bel modo per ripartire e un grande segnale di speranza dopo tanti mesi di paura e angoscia.

Il vaccino non altera il sangue

Precisazione della responsabile sanitaria Avis provinciale. o il 9 luglio. Circolano in rete false notizie sulla dubbia qualità del sangue di donatori vaccinati contro il Covid. Nel merito la dott.ssa Barbara Giussani ha precisato che “Chi è vaccinato può donare il sangue perché il vaccino non altera in nessun modo il sangue e gli emocomponenti da aferesi donati”.

Dott.ssa Barbara Giussani

Responsabile Sanitaria, AVIS Bergamo

Direzione Sanitaria

dott. Giovanni Paris

Relazioni Sanitarie

I quesiti più comuni richiesti

L'Aferesi

Conoscere bene il sangue

Nuovi criteri di donazione

Nuovo metodo raccolta sangue

Per una sana alimentaione

Malattie cardio-vascolari

Perché donare il sangue

Storia della sezione

Sostegno all’AVIS Sarnico

La nostra Mission

Link ad altri siti

Indirizzo
Via E. Forlanini, 23
20134 Milano

Telefono linea 1: 02/70.00.67.95

Telefono linea 2: 02/70.00.67.86

Fax: 02/70.00.66.43

Email: avis.nazionale@avis.it
PEC: avisnazionale@pec.it

Lik ad altri siti

Avis Regionale Lombardia  
Largo Volontari del Sangue 1
20133 Milano
Tel. 022666656 – Fax 022667818

Orari di apertura:
Lunedì-giovedì 9.15/17.00  
Venerdì 9.15/16.00  
Sabato 9.00/13.00

Link ad altri siti

Avis Provinciale Bergamo
via Leonardo da Vinci, 4
24123 Bergamo

Tel. 035.342.222 (per prenotare la donazione telefonicamente, premi il tasto 1 del centralino)

Fax. 035.343.248

Come diventare donatore di sangue

Chi desidera diventare donatore di sangue deve prima accertare la sussistenza di alcuni requisiti


Covid-19
domande frequenti

1. Quali misure di prevenzione sono state introdotte verso i donatori di sangue per questo virus a livello nazionale?

Il Centro nazionale sangue ha disposto misure specifiche volte all’applicazione, da parte dei sanitari, dei criteri di sospensione temporanea dei donatori provenienti dalle aree interessate.

2. Sono un donatore di sangue. Come mi devo comportare? (da Centro Nazionale sangue)

Il sangue si può donare solo se si è in buone condizioni di salute, quindi anche un semplice raffreddore o mal di gola, senza alcun collegamento al Coronavirus, sarebbe causa di esclusione temporanea.

Ricorda che è bene aspettare almeno 14 giorni prima di andare a donare se:

  • sei rientrato di recente da un viaggio nella Repubblica Popolare Cinese
  • pensi di essere stato esposto al rischio di infezione da Coronavirus
  • hai effettuato la terapia per l’infezione da SARS-CoV-2 (per infezione documentata o comparsa di sintomatologia compatibile con infezione da SARS-CoV-2).

Quando vai a donare avverti sempre il medico selezionatore dei tuoi spostamenti.

Comunica, inoltre, se ti è stata diagnosticata l’infezione o se hai avuto sintomi associabili a quelli causati dal Coronavirus (febbre, tosse, difficoltà respiratorie) anche quando i sintomi in questione siano già stati risolti a seguito, o meno, di una terapia; il medico addetto alla selezione, che ti visiterà, potrà decidere di sospenderti temporaneamente dalla donazione.

Se hai già donato, ricordati di contattare il tuo Servizio Trasfusionale in caso di comparsa di sintomi associabili a quelli causati dal Coronavirus.

Info riportate dal portale del Ministero della salute

http://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/dettaglioFaqNuovoCoronavirus.jsp?lingua=italiano&id=228#9