Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

E con queste sono 15 quiltali

(Servizio Fotografico)

CASTAGNATA DA RECORD CON MOSTRA ANTOLOGICA SULLE DONAZIONI DI SANGUE

  • Abbiamo-fatto-il-record
  • Artemisio-spero-sarai-contento
  • Barman-di-qualita
  • Canterieni-un-piacevole-intermezz
  • Castagne-arrostite-pronte
  • Chei-di-strinu
  • Ci-spiace-ma-sono-finite
  • Controllo-del-peso
  • Direttore-sanitario-soddisfatto
  • Distribuzione
  • E-con-queste-sono-15-quiltali
  • Finite-le-castagne-an-posa
  • Folla-ai-tavoli
  • Giulia-beata-tra-gli-uomini
  • Go-la-gola-seca
  • I-bundi
  • I-maru
  • Il-baffo-dorato
  • In-coda-per-le-castagne
  • Info-point
  • La-cstagna-fa-allegria
  • La-distribuzione
  • Le-castagne-le-bagno-con-questo
  • Le-salamelle-del-Ferruccio
  • Ma-manca-ol-me-Giani
  • Mario-dam-ol-cambe
  • Natali-e-Jessica-le-veline
  • Ocio-che-le-scota
  • Ol-padelu
  • Padre-e-figlio-al-lavoro
  • Pannelli-mostra-antologica1
  • Pannelli-mostra-antologica2
  • Pannelli-mostra-antologica3
  • Pannelli-mostra-antologica4
  • Pulizie-di-autunno
  • Pura-poesia
  • Qualcuno-e-di-troppo
  • Questa-nascondiamola
  • Scende-la-sera-ma-si-mangia-ancora
  • Serafino-castagnaro
  • Servizio-Perfetto
  • Silvio-Belotti-alla-fisarmonica
  • Sono-stanchino-ma-soddisfatto
  • Successo-da-infiorare
  • Tris-dassi
  • Ultima-padella
  • Wilma-e-Silvao-infaticabili

Simple Image Gallery Extended

Settembre 2018
“L’autunno - scriveva Goethe all’amico Schiller - è il nostro tempo migliore”. Dalle nostre parti è certamente un periodo affascinante. I vigneti con grappoli maturi, i boschi dalle mille sfumature, il profumo dei funghi e il fruscio delle foglie sono i tratti caratteristici delle regioni prealpine. Le numerose feste della vendemmia e le sagre delle castagne, sono un irresistibile invito a arrendersi ai piaceri del palato.
Ecco giustificato il grande afflusso di persone, favorito dal bel tempo, che ha determinato il raggiungimento del record per il consumo di questo frutto simbolo della stagione autunnale. Ce ne sono voluti 15 quintali per soddisfare tutti i quasi 5.000 “degustatori”, superando di un quintale il record del 2017. Così, domenica alle 19.30 è stato dichiarato lo stop per mancanza di materia prima. Le bellissime castagne erano infatti esaurite. “Ghè n’è piö, basta, finide!” gridava l’infaticabile Cristian Cattaneo, uno degli addetti al pentolone.
Inaugurare ogni anno “le Castagnate” sul territorio è diventato un piacevole ma anche faticoso impegno per gli oltre 50 volontari dell'AVIS Sarnico e basso Sebino che anche quest'anno hanno contributo a mantenere la promessa. Per loro il 24 novembre alle 19.30 ala “Rinascente” (in tema di tradizione è bello chiamarla ancora così) il presidente ha riservato la classica cena annuale.
Il 21, 22 e 23 settembre, in piazza XX settembre, marroni di qualità provenienti da Cuneo, capitale del mercato della castagna, riconosciuta a livello europeo IGP, hanno deliziato i buongustai.
Da visitare c’è stata inoltre la mostra fotografica dove in 16 pannelli abbiamo voluto sintetizzare cosa vuol dire donare e come diventare avisini. Lo storico presidente Serafino Falconi, regista della manifestazione  insieme alla moglie Giuliana Minuscoli, ha così dichiarato a “l'Eco di Bergamo” di venerdì 21 settembre, nell'articolo di presentazione dell'evento del corrispondente Mario Dometti: “Noi dell'AVIS Sarnico amiamo innovare nella tradizione ed è proprio per questo che proporremo a chi verrà a trovarci due novità sempre legate alla castagna: il Castagnaccio nella sua ricetta tradizionale elaborata per l'occasione dalla pasticceria Chiodini, e le “castegne biline”, castagne secche cotte in acqua con aromi vari. Non mancheranno i prodotti tipici della nostra zona e coloro che si accomoderanno ai tavoli della struttura coperta, potranno assaporare salsicce della macelleria Ferruccio di Villongo, polenta con sarde di Montisola e gorgonzola, vin brûlé e ottimo vino rosso”.
“La Castagna in festa” è anche una modalità per diffondere la cultura della donazione di sangue. Donarlo è innanzitutto un gesto concreto di solidarietà e rappresenta un momento di promozione del sodalizio. Proprio per questo è stato predisposto un gazebo informativo dove il nostro Direttore Sanitario dott. Giovanni Paris ed alcuni volontari, sono stati a disposizione per informazioni. Anche la consorella ADMO è stata presente sabato, dando la possibilità di aderire al sodalizio tramite la tipizzazione con un semplicissimo prelievo di materiale biologico dalla bocca.
Domenica dalle ore 16, a conclusione delle tre intense giornate, il coro “I Canterini del Sebino”, nel corso di un concerto itinerante per le piazze, ha fatto da prezioso supporto con canzoni della tradizione interpretando i brani che sicuramente conoscono a memoria gli anziani. Brani ripescati dall’oblio dei vecchi ricordi della gioventù, quando i contadini andavano nei campi a lavorare e per dimenticare la fatica, cantavano.
 
All'evento era anche abbinata la mostra fotografica sulla donazione di sangue ed emoderivati. Una esposizione di pannelli ad illustrare il percorso di questo importantissimo ed utilissimo dono: dal sangue da cordone ombelicale ai donatori “indiretti”; i tanti studenti incontrati nelle scuole con il compito di portare nelle famiglie il messaggio della cultura del dono di sé; l'idoneità personale, frutto di visita, esami, colloqui con il medico per arrivare all'emozione della prima donazione dei diciottenni e la impagabile soddisfazione dei settantenni. Un percorso di condivisione nello spirito di gruppo dai giovani fino al “Veterans Club”. Suggestiva l’immagine del festoso incontro di tanti donatori, testimonianza di quella grande famiglia che è l'AVIS.
L’appuntamento per questa manifestazione originale che sa di tradizione e solidarietà, è fissato per il prossimo anno. Coinvolgere attivamente persone di tutte le età, risvegliare l'orgoglio di tante persone con l consapevolezza di quanto di serio è stato fatto in passato e di quanto nel futuro si possa fare con buona volontà e buone idee, è una delle mission più sentite da AVIS Sarnico

Contatti - Informazioni

Tel. e Fax 035 913959 - Fax n. 1786083645
SMS Cell. 342 4152004 - WhatsApp 339 4562594

email: info@avissarnico.it - sito web ufficiale www.avissarnico.it
Sede dell'Associazione e punto di prelievo:
Ospedale "P.A. Faccanoni" Sarnico

contatti

Dove siamo

via P.A. Faccanoni n. 6 24067 Sarnico (Bg)
Codice Fiscale 95031800162